Il destino dei parchi della provincia di Parma

Andare in basso

Il destino dei parchi della provincia di Parma

Messaggio Da Stefanos il Mar 10 Mag 2011 - 21:00

Da qualche parte ho letto che c'è l'intenzione di accorpare i parchi regionali presenti in provincia. Visti i tempi la cosa non fa presagire nulla di buono.

Potrei capire l'accorpamento dei Cento Laghi con il Parco Nazionale dell'Appenino Tosco-Emiliano, ma per gli altri non ne capisco lo scopo.
La scusa è sempre quella del contenimento costi, anche se io credo che sulle risorse naturali e sulla conservazione e sviluppo del patrimonio artistico-culturale non si debba mai lesinare. Ci sono ben altri sprechi in Italia da tagliare prima.

Spero che Renato, che sicuramente è il più informato, ci possa ragguagliare su questo argomento.

_________________
Saluti, Stefano.
Parmigiano a tutto tondo
Stefanos
Stefanos

Messaggi : 6284
Data d'iscrizione : 31.10.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Il destino dei parchi della provincia di Parma

Messaggio Da Filippo il Mer 11 Mag 2011 - 7:34

Evil or Very Mad

_________________
"In fotografia quel che conta davvero è la luce.. sempre."
www.filippomori.it
Filippo
Filippo

Messaggi : 4415
Data d'iscrizione : 02.11.10
Località : Parma

http://www.filippomori.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il destino dei parchi della provincia di Parma

Messaggio Da Renato il Ven 20 Mag 2011 - 6:27

Stefanos ha scritto:Da qualche parte ho letto che c'è l'intenzione di accorpare i parchi regionali presenti in provincia. Visti i tempi la cosa non fa presagire nulla di buono.

Spero che Renato, che sicuramente è il più informato, ci possa ragguagliare su questo argomento.

Rispondo ora cercando di essere completo. Scusate la lunghezza.
Tutto è iniziato a fine 2009.
Vi metto questo link che poi ho copiato per intero qui sotto, tratto dal "Taccuino del naturalista"
http://www.naturaparma.net/viewtopic.php?f=16&t=897&p=2381&hilit=mauro+conti#p2381

Chi scrive è l'allora Presidente del Parco del Taro (ora ex) che denuncia una situazione grave.

da mauro conti » sab 20 feb 2010, 11:39

Per amore della verità e non delle poltrone.
Mi sono iscritto al forum perchè mi hanno segnalato l'ennesimo tentativo di mistificazione della realtà in merito al tema dei Parchi Provinciali. La situazione è questa, la decisione di tagliare il 40% delle risorse di parte corrente agli enti parco provinciali è amministrativamente illegittima (la contribuzione agli enti parco, consorzi obbligatori L.R.6/2005, è regolata da una convenzione approvata e sottoscritta che obbliga i consorziati pro-quota a contribuire alle spese di funzionanemto dell'ente e o tutti insieme o NESSUNO è titolato a modificarla), lascio immaginare il Varco aperto dalla Provincia a tutti quei Comuni che mal hanno digerito e mal digeriscono la scelta (forte e voluta) di affidare la gestione dei Parchi a Consorzi obbligatori, tantè che molti Comuni hanno evidenziato il tema, ma abbiamo appreso nell'incontro con le Associazioni che il Presidente Bernazzoli "ha tenuto fermo il Sindaco Vignali, con l'impegno di affrontare il tema entro l'estate" sic..!!. La decisione di tagliare il 40% delle risorse ai Parchi è politicamente inaccettabile (unica provincia in Regione ad avere fatto ciò) ma soprattutto quello che lascia esterefatti è la mancanza di chiarezza e strategia per il futuro.
La comunicazioni dell'assessore preposto al personale del parco, e non ero solo ad ascoltare, sono state di questo tenore (peccato che siete troppo giovani (il personale del parco)...perchè si sarebbe potuto pensare a qualche mobilità....)tanto che il mio successore designato (consigliere comunale di Collecchio Marzia Bia) si è talmente preoccupata della situazione che ha, nell'imminenza della nomina a presidente del Parco, rinunciato all'incarico, lasciandomi l'onore e l'onere di presiederlo (tra l'alro segnalo la nomina unanime con voto anche dell'assessore).
Il problema vero non sono i 35 mila euro in meno per il Parco del Taro, ma è il futuro della gestione del parco che viene messo in discussione, disperdere e disgregare un PRESIDIO di governo e CONTROLLO significa ad esempio che episodi gravi come quello accaduto in questi giorni (La Sacca di Viazzano) senza la presenza dei guardiaparco del Taro sarebbe passato nell'oblio o peggio di quanti preposti al governo del territorio si voltano dall'altra parte, cosi come per il tema acqua per il quale i progetti di ulteriori prelievi previsti dalla Pta Provinciale e Enia si fanno un baffo del DMV e della difesa della biodiversità.
Il mio parere è che alla Presidenza della Provincia si voglia cogliere l'occasione, utilizzando la copertura della mancanza di entrate (il 10% e non il 40%) per "disfarsi" di organi di gestione scomodi (vedi ponte sul taro, vedi escavazioni in alveo, vedi gestione risorse idriche etc.etc.). Certamente non 1 mq di Parco sarà toccato (solo la legge Regionale pùò ...) ma senza un presidio attivo che Parco sarà ???. Per quanto mi riguarda ho la risposta. Infine, vorrei stigmatizzare il tentativo di deviare il confronto e scontro dall'argomento principale il futuro del Parco, con altre argomentazioni che poco hanno a che fare. Il Museo del Pomodoro a Corte Giarola lo ha voluto la Provincia (Presidente Bernazzoli, assessori Ganapini e Ferrari ed anche gli altri della giunta evidentemete) è interamente spesato da risorse Provinciali,RER e Comunitarie e da risorse dell'associazione Musei del Cibo, sempre sostenuta dall'omonima Provincia. Sono comunque disponibile a qualsiasi confronto, dibattito, si voglia attivare sulla gestione del Parco. Aggiungo inoltre che alla mia richiesta di intervento come da anni, inascoltato vado chiedendo, di intervenire per aiutare i Parchi a ridurre le spese amministrative e gestionali (paghe, assicurazioni, contratti etc.) nessuna risposta (nonostante due studi durati 3 anni e costati diversi migliaia di euro è giunta). Allora a cosa dobbiamo tutto ciò, difficoltà, problemi personali, un presidente del Parco ingombrante...!! Per parte mia sono immediatamente disponibile a dimettermi, a patto che dall'amministrazione provinciale, sia evidenziato in documento programmatico che in Provincia di Parma il presidio dei Parchi è fondamentale, che va migliorato e rafforzato e non indebolito, chiedo, a chi amministra in nome e per conto di ideali che fanno della tutela dell'ambiente un obiettivo primario di fare altrettanto.
Sono disponibile a qualsiasi iniziativa per entrare ulteriormente nel merito , a differenza di coloro che, ad una mia lettera personale di richiesta di confronto, rispondono chiedendo al Sindaco dell'amministrazione che mi ha nominato, di farmi dimettere...!! Evviva la democrazia, evviva i Parchi, evviva in particolare il Parco del Taro. mauro conti
[/b][/b][/b][/color]

Dopo questi eventi il presidente è stato rimosso e da allora la sitazione è di stallo, bilanci ridotti, e voci insistenti di grandi cambiamenti.
La regione ha fatto circolare una bozza di proposta di legge nella quale accorperebbe molti parchi, lasciando alcuni intatti e fondendone altri dentro le comunità montane. Di fatto sappiamo che al 31/12/2011 i consorzi di gestione dei parchi saranno soppressi per legge dello stato (decreto milleproroghe), chiudendo di fatto i parchi regionali. Che succederà da qui a fine anno? Si attende una nuova legge regionale ma la regione nicchia, le province cominciano a immaginare scenari simili a quelli prefigurati nel post che ho linkato..
I dipendenti sarano sicuramente ridotti perchè altrimenti non si capisce dove verranno risparmiati soldi se non spostando del personale.
Il grande rischio è quello della smobilitazione e depontenziamento dei parchi, che potrebbero rimanere solo dei gusci vuoti, parchi sulla carta.

Chi ha a cuore la natura e l'ambiente deve fare sentire la propria voce contro questa possibilità.
Ciao
Renato


Renato

Messaggi : 235
Data d'iscrizione : 22.11.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Il destino dei parchi della provincia di Parma

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum